8 marzo 2010

Torta di mele "al caramello" , SOS Tata e la tecnica dell'animale morto in cucina







Ci sono  delle trasmissioni televisive che minano  la mia autostima, non  parlo  di Ballando  con le stelle, parlo di  SOS Tata. E' l'unica trasmissione che i miei  figli  guardano in religioso  silenzio,  con due faccine stupite  che quasi  quasi  gli  cade l'aureola -Mamma hai  visto  come si comportano quei  bambini ?  che capricci  ! che vergognosi - Allora mettiamo in chiaro le cose, so  che siete mediamente educati,  ma mi  chiedo avete tutti  e due problemi di  memoria  o di udito ? Oppure siete dei  bambini  talmente evoluti  che  vi applicate le regole come  volete?
Vedendo  'sti  due bambin gesù  sul  divano  con la faccia schifatina,  gli  ho  fatto presente  che sono tre anni  che sono  costretta a guardare l'edizione per non  udenti  del  telegiornale  per riuscire a capire cosa sta accadendo  nel mondo,  che ho  gli "zainetti" pieni  di  cartoni animati e di raccogliere gormiti,  che mangiare insieme  non è  un optional  per cui loro  mangiano  e io  faccio  un numero  da circo  cinese con i piatti e mi mangio i loro  avanzi e che forse comperare un reggipetto  e una mutanda  non è una cosa che posso chiedere alla nonna.
Solo per aver interrotto l'ascolto  mi hanno sigillato  la bocca con  un - zitta che disturbi -.
Confesso   che ho anche elaborato una personalissima tecnica  per vedere le reazioni  dei miei  figli  di   fronte  al fatto  che ci  fossi  o meno. Ho fatto  come gli animali  in pericolo ovvero  il morto. Come gli animali  che stanno  per essere aggrediti  e digeriti  mi sono  distesa a terra in  cucina. Bene tranquilizzo  il popolo di  tate  e psicologi  infantili che diranno  che non  si  fa  ed è  dannoso; i miei  figli mi hanno scavalcato, il più  piccolo ha preso un succo  e un pacco  di  biscotti ed e fuggito in camera sua , mentre il più  grande gli ha strizzato l'occhio  dicendo:  "vedrai  che adesso  si  alza perchè le si  attacca il  risotto ".
Ora,  dopo questo esempio  di amore filiale, ho  capito  che avrei  bisogno di una tata al  quale affidare 3 ore di  stiro  settimanale da suddividere nei momenti  della giornata in cui  non  sono al lavoro, non  ci sono  più  di due elettrodomestici  in funzione,   altre due ore dedicate agli accompagnamenti  del più  grande all'ex marito  ai  vari  caselli  autostradali con il  rischio  che qualcuno mi  chieda quanto prendo, minuti preziosi da dedicare allo smacchiamento  di mutande con  strisci  di  frenata  perchè  non  hanno  fatto in tempo a correre i bagno  visto  che il  cartone era sul più  bello,  qualche ora di  ricerca sulle molecole anzi  no   sulle cellule, mi sono  sbagliato  era sui  dinosauri. Così  finalmente potrei  fare i  biscotti  al cioccolato  come Rania  di  Giordania, non mettere l'antifiammatrio  al posto della bustina di  zucchero  nel  caffè motivo per cui  oltre ad avere la sciatica ho pure la gastrite,  depilarmi le sopracciglia,  sapere cosa sta accadendo  con le elezioni, e chiedere a mia sorella  una cosa sulle detrazioni  da lavoro  dipendente.
Pensavo  pure che invece di  attaccare le regole  in giro  per casa  basterbbe uno striscione con  scritto "la  mamma c'è"
Tutto  ciò  per dire che non è  che non ci provi  a coinvolgere i  miei figli  nelle attività  domestiche, infatti  più  di  qualche volta si  sono  divertiti  a vedermi  recuperare una canottiera che  avevano  buttato  sul  lampadario, che  appena ho  sparecchiato con loro  in pigiama, e io  che sto per sedermi  sul  divano  rispondo alla chiamata dei bambini che mi chiedono le coccole pur  rendedomi  conto  che appena mi distendo  mi si  chiudono  gli occhi  come alle bambole  e che per riportarmi  nel mondo  dei vivi  devo  mangiarmi  due  orosaiwa con  la mortadella.
Insomma, ho  capito che al  grido  di  aiuto  di una mamma  è  più  facile che uno  ti scavalchi   piuttosto  che ti  soccorra, nonostante tutto so anche che ogni  frutto  ha la sua stagione e in  questo  caso parliamo  di mele, presenti  tutto l'anno come la mamma  e questa torta senza copyright che riesce sempre, e che  te la ritrovi i n tutte le stagioni  proprio come la mamma!

Ingredienti

250  gr di  farina con lievito
1 cucchiaino di  bicarbonato
150 gr di zucchero
130 gr di  burro
4 uova  grandi  separate

mele "al caramello"
4 mele a tocchetti
1 cucchiaino  di  cannella
2 cucchiai di zucchero
succo  di un limone

Preparazione
Tagliare le mele a tocchetti  e cospargerle  col la cannella lo  zucchero e il succo  di limone e lasciare riposare per almeno  mezzora. Raccogliere i  sughi   e metterli in una pentolina a fuoco  basso  e far restringere per cira 5 minuti non mescolando  ma girando il pentolino. Riversare a  caldo  sulle mele e mescolare bene.
Sbattere per i  tuorli c on lo  zucchero  finchè non  diventano  gialli molto  pallido,  setacciarvi  dentro  la farina con il  bicarbonato  e infine incorporare le chiare montate a neve  senza mescolare troppo  e le mele a tocchetti. Infornare in una  tortiera imburrata da 24 cm a 175C°  per 45 minuti.


18 commenti:

ILBETTA ha detto...

Isa... questo tuo racconto è semplicemente esilarante!!! Se non avessi anch'io due figli, avrei creduto che in certe parti avessi esagerato... invece sempre con il sorriso sulle labbra e nella speranza di assaggiare prima o poi questa tua ultima creazione culinaria, confermo che è tutto fantasticamente vero!

evviva mamma isa!!!

andrea

Ale ha detto...

condivido tutto il racconto e la scelta della torta !

Barbara ha detto...

ahahaha... i due "bambin Gesù" che ti scavalcano sicuri che ti rialzerai "perchè ti si attacca il risotto" sono fenomenali! E voglio anche credere che siano entrambi talmente intelligenti da aver capito che.. facevi finta! La torta mi intriga: il caramello per me è off-limits troppo dolce, ma l'accoppiata con una mela magari un po' acidula mi intriga parecchio, grazie!!

Ely ha detto...

sei fantastica! sono arrivata a questo post ieri ma non avevo il tempo per gustarmelo e così l'ho memorizzato per oggi... ti dò ragione su tutto, io sono forse più aiutata di te da mio marito che è un sant'uomo, ma la frenata sulle mutande la ritrovo ancora sul maggiore che ha 12 anni... lasciamo perdere valà.... splendido post come la torta che hai presentato, ma come dicevo ieri e ribadisco sempre per tutta la vita, noi ce la facciamo perchè siamo donne, perchè siamo forti, coraggiose e temerarie, anche se ultimamente davanti a bimbi e donne che muoiono o a cinma un pò lacrimosi comincio a piangere senza contegno... manche per questo siamo donne! un bacione e continua così i tuoi post sono una favola! vita vissuta e condivisa! a presto Ely

Federica ha detto...

splendida questa torta!! la segno!

Solema ha detto...

La torta è fantastica ma non riuscirà mai a sconvolgermi quanto il tuo racconto! Lo dico in senso buono: mi hai fatto morire dal ridere! Buona serata!

da Sergio ha detto...

A questo punto devi inventare una ricetta con orosaiwa e mortadella...
cmq, mi hai fatto ridere un bel po', anche se forse tu in certi momenti non ridevi troppo...
Ciao
Sergio
http://gastronomysergio.blogspot.com/

enza ha detto...

non so come ma penso di poterti capire.
alla lontana però.

Luciana ha detto...

Davvero molto divertente e reale il tuo racconto, la torta è davvero speciale, le mele al caramello le danno una marcia in più rispetto a tutte le altre...bravissima!!!

Romy ha detto...

Mi piace così tanto come scrivi, che ho contagiato mio marito ,che ormai aspetta pure lui, con ansia, l'uscita dei tuoi post! Questo mi è così tanto piaciuto che, spero ti faccia piacere, gliel'ho stampato perchè lo porti a leggere in ufficio...stai diventando una delle nostre letture preferite, insomma! bacioni grandi e complimenti per le belle e buone ricette, oltre che per...lo stile! :-)

isabella ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
clelia ha detto...

Ciao Isa,
preparo anch'io la torta di mele cosi..solo che riduco lo zucchero perchè non mi piace se uso le renetto o le golden.Mantengo più o meno le dosi se uso le mele 'imperatore'..
Per quanto riguarda la tecnica dell'animale morto...benvenuta nel clan!! A casa mia di figlia ce n'è una ma con suo padre fanno due.. da piccola le ho prvate tutte.. ora me ne vado direttamente a nanna... e allora...SI SPAVENTANO!!! ma come stai male?? ed io a pensare che finalmente mi facciano qualcosa.. ed invece.. rien a faire..'hai preso qualcosa per tirarti su?' è battuta successiva... e per su è 'alzarti'...
Ciao
Clelia

banShee ha detto...

Ciao :)

Mi chiamo Elena e sul mio blog di cucina sto raccogliendo delle ricette, insieme agli altri food blogger, per creare una raccolta. :)

Si tratta di ricette "a colori" che verrebbero poi raccolte (citando ovviamente le fonti) in un ebook scaricabile da tutti gli amanti della buona cucina.

Se ti può interessare, questo è il link dove ci sono tutti i dettagli. :)

Raccolta ricette di cucina


Spero di averti incuriosita. :P

Ti auguro buona giornata,

elena.

Enrica ha detto...

Complimenti! WoW!!!

enrica ha detto...

complimenti! WOW!

Tzun@mi ha detto...

Isa...leggendoti mi rivedo in ogni dettaglio..bhè forse le mutande sul lampadario no...però il recupero dai muri del bagno di pallottole di carta igienica bagnata, bhè quello si. Io ho due femmine, ma non credere..adesso che zompetto per casa con una stampella, la grande ha detto alla piccola.."tranquilla, la mamma si è azzoppata,mica è diventata monca!....per la focaccia servono le mani, mica i piedi!"...Voglio la tataaaaaaaaa!!!! Hahahahaha Ah, ovviamente la torta la devo provare!... Baciozzi sparsi!

Francesca ha detto...

Beh, Tata Lucia è sempre tata Luca ( " è i momento di intervenire" ehehee)..ma la mamma è sempre la mamma....brava!

camelia ha detto...

Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
farsi conoscere.

Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
nella barra in alto.

Ti inviamo i nostri migliori saluti

Petitchef.com

LinkWithin

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs