17 settembre 2008

Gnocchi tirolesi e bambini beige...


Io gli spinaci non li sopporto, eppure da quando sono diventata mamma qualcosa in me è scattato. Non si tratta di istinto materno si tratta di qualcosa in più di cui vi elenco alcuni sintomi di cui il primo e più importante è il desiderio incontenibile di vestire i bambini da tirolesi. Questa cosa mi è capitata con Yups!, quando aveva 4 anni gli ho comperato la giacca di lana cotta austriaca, il capello come Peter di Heidi, e le calze con il ponpon rosso, e le braghette tirolesi. Sarà un retaggio dell'infanzia, quando da tirolesi un po' ci vestivano tutti, ed era sinonimo di eleganza. Per farvela breve Yups! il cappello se l'era tenuto 15 secondi e un giorno l'avevo vestito così bello e carino che avevo deciso di portarlo da mia mamma, pregandolo di tenersi il cappello giusto fino a casa della nonna. Quando i miei l'hanno visto lo hanno guardato e si sono guardati. "Papà ! hai visto che bello che è Yupsi lo guardano tutti ?" , "Ci credo tesoro, vedere un indiano vestito da tirolese non capita tutti i giorni ...." In effetti, nonostante gli occhi chiari, Yups è molto orientale, d'altra parte si vede che è asiatico, d'inverno è beige, ma d'estate diventa scurissimo. Può l'amore accecarti al punto di non farti capire che i figli qualche volta hanno ragione, che l'amore ogni tanto rende ridicoli? Così, sono stata più attenta, i vestiti gli scegliamo insieme, la giacca di lana cotta è lì che attende Jack, ma non so se gliela metterò.
Ma fosse finita qui. Qualche mese dopo Yups! va a farsi un giro con il nonno. Quando gli chiedo dove è stato mi risponde che c'era un qualcosa con i figli dei profughi istriani. "Papà,dove siete andati?" e mi spiega che c'era questo quell'altro che hanno guardato le foto della casa dove lui è nato .... e poi mi dice: "in fin dei conti dovrà sapere qualcosa sulle sue origini, e quelle di suo nonno!" Ho sorriso, in fin dei conti l'amore acceca, mio figlio forse sarà l'unico indiano istriano vestito da tirolese ... ma se lo può permettere visto che è circondato da amore ed è proprio un bel bambino beige.

Gli spinaci, oriente o occidente non si transige si mangiano, se fate questi gnocchi vi piaceranno pure



Ingredienti


500 gr di spinaci congelati
250 gr di pane grattuggiato
50 gr di parmigiano grattuggiato
2 cucchiai di farina
sale
2 uova
burro

Procedimento

Mettere una noce di burro in una padella antiaderente, aggiungere gli spinaci congelati senza aggiunta di acqua , salare, e far asciugare tutta l'acqua. Tritarli con il robot.

In una terrina capace mescolare il pane grattuggiato con gli spinaci e le uova e la farina fino a raggiungere un composto sodo e omogeneo. Formare dei cordoncini di pasta e tagliare gli gnocchi che devono essere premuti sui rebbi di una forchetta per darne la rigatura. Lessare in abbondante acqua salata portata ad ebbollizione, proseguire la cottura per 10 minuti da quando sono saliti in superficie. Condire con burro fatto brunire insieme al pane grattuggiato.

15 commenti:

barbara ha detto...

Ciao Isabella, questi gnocchi devono essere proprio super. Prima o poi li farò anch'io!!!
Avevo risposto al tuo commento sul mio blog (per i pancakes) perché volevo sapere con quale rivista avevi acquistato il padellino per i blinis.
A presto.
Bab

barbara ha detto...

Grazie Isabella, per avermi risposto più veloce della luce!!!
Ora vedo se lo trovo in edicola.
Baci.
bab

Angela ha detto...

Thank you, Isabella, for the translation of your rhubarb pie.
I'm looking forward to trying it. Angela

Tzun@mi ha detto...

6 fantastica...ho detto tutto..strangolata come sempre con gli orari mi rivedo nei tuoi racconti...e mi doni sempre un sorriso..grazie..

P.s.
Gli spinaci non li amo nemmeno io..ma guarda l'areoplanino come vola.....brrrrbrbrbrbr e van giù anche loro...hahahahaha

Lo ha detto...

dai si pososno fare anche senza l'uso dell'aggeggino magico...gustosi! ...l'amore meraviglioso!

Stephanie ha detto...

I've always loved gnocchi with potatoes; I didn't know you could make them with other things. These spinach gnocchi look fantastic.

a.o. ha detto...

Mi spiace per Yups ma il tirolese gli tocca come è toccato a tutti noi.
E dell'ossessione materna per il kilt, ne vogliamo parlare?
Saluti tartan
da aiuola :)

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Oggi abbiamo postato una ricetta simile! Bellissimo come sempre il tuo racconto sembra di stare lì con te immersa nella tua bellissima famiglia. Un Bacio Laura

unika ha detto...

anche io non amo gli spinaci...certo non li mangerei mai bolliti olio e limone...ma gli gnocchi si...devono essere buonissimi:-)
Annamaria

giucat ha detto...

Isaaa ti prego dimmi in quale regione italiana andava di moda vestirsi da tirolesi!!! :)) Non oso pensare cosa avrebbero detto i miei compagni delle elementari se mi avessero vestito così :D Il fatto che adesso mi piacciano le giacche di lana cotta non conta ;)) Vedrai quante stragi di cuori farà il tuo Yups! Un bacione!! Cat

isabella ha detto...

@a.o
parliamo del kilt con lo spillone che a casa mia girano ancora tra zie e cugine... più la raccolta d spilloni wodoo da kilt

@giucat
il fatto è che ti stai preparando ... il morbo tirolese colpirà anche te .... in genere ti viene con bambini in età prescolare .

a.o. ha detto...

Esattamente! Lo spillone... rigidissimo, chiuderlo o aprirlo costava da bambine uno sforzo titanico! Ti veniva il segno rosso sul polpastrello?
ah ah ah
a.o.

Carmine Volpe ha detto...

complimenti per questi gnocchi tirolesi, sono venuti benissimo

niko sinisgalli chef ha detto...

davvero originale!! ma usiamo la vederdur fresca e di stagione!!!

Anonimo ha detto...

Complimenti una ricetta veramente originale, da provare assolutamente!
http://www.tritatutto.info

LinkWithin

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs