10 ottobre 2008

Mi sono candita il cervello?




Il mio problema è che mi sento sempre giovane. E non parlo del lato fisico e al fatto che sto attraversando una sorta di regressione che ha fatto sì che mi sia comperata le mutande e il pigiama di Hello Kitty, mi sia tagliata i capelli da ragazzina e una giacca viola. Mi riferisco al fatto che mi sembra ieri che ho finito l'Università, mi sembra di essre tornata ieri dall'Erasmus e dal Tempus, tutte cose recenti insomma che risalgono ad almeno 15 anni fa. In tutta questa follia giovanil giovanilistica, i bambini sono grandini e il prossimo anno mi ci vorrà un ventilatore per spegnere le candele sulla torta e l'anno prossimo ancora dovrò insesorabilmente passare a quelle dorate cumulative.
Ma cos'è che ha scatenato in me, quello che a Venezia si definerebbe questo "boresso" ? La risposta è Facebook. E' bastato un nome e una email di saluto che nel giro di poche ore abbiamo riunito la Lesco Bolesco Pinball Academy fondata a Cracovia nel 1996.
Per chi non lo sapesse il pinball è il nome in inglese del flipper. Primo mistero: perchè una parola inglese ne traduce un'altra di inglese? e chi è Lesco Bolesco?. Diciamo che durante la mia avventura di studio in Polonia ho conosciuto altri studenti che venivano un po' da tutto il mondo, c'erano giapponesi che studiavano il polacco, polacchi che studiavano l'italiano, afgani sposati con ucraini emigrati in Polonia, americani che poi erano polacchi, polacchi che erano americani, reduci del Vietnam che erano tornati a studiare all'Università, signore anziane canadesi che facevano gli exchange students a 75 anni, inglesi, irlandesi che ho scoperto essere i napoletani del nord, ex suore, olandesi altissimi...insomma ce ne erano per tutti i gusti.
Così intorno al flipper, la sera scherzando, e nemmeno tanto, sulla burocrazia polacca ci siamo inventati la Lesco Bolesco Pinball Academy, è bastato un nome e un timbro. Lesco Bolesco ha una certa assonanza con delle terribili sigarette polacche chiamate Sobiesky, il timbro con tanto di logo ci ha aperto un sacco di porte. Chi vi manda? Lesco Bolesco. Come hai preso la borsa di studio? Mi ha raccomandato Lesco Bolesco in persona. Devo dire, che non prendevamo in giro, era un po' una goliardata , come quella di timbrare tutta la carta igenica dell'Ostello, prenotare il vagone letto, o continuare a dire: "Ok, if is not possible will ask Lesco".
E mentre sto realizzando che tutti i membri della LBA viaggiano sicuri verso la quarantina, che stiamo tutti bene, che alcuni di noi vivono dalla parte opposta del globo, che le stempiature avanzano e i sederi si ingrossano, mi pare di capire che tanti siano rimasti single e di e di essere l'unica ad avere bambini.
Mi è venuta voglia di sfogliare le fotografie di una gita a Praga a casa del papà di una ragazzache gli aveva detto che sarebbe andata a trovarlo un un paio di amici e ci siamo presentati in otto e lui è dovuto stare in albergo 4 giorni. Di quando siamo andate a sciare con Martijn e Wim e abbiamo sbagliato città e quindi per evitare il congelamento abbiamo dovuto svegliare una signora buttandole palle di neve sulla finestra.
Quanto alla ricetta, dello zenzero candito... smaltisco un po' di ricordi poi aggiorno il post con la ricetta. perchè nel frattempo mi devo essere un po' candita anche io





E giusto per gradire :


12 commenti:

kyra ha detto...

ciao Isabella, se i ricordi ti fanno sentire giovane....non invecchierai mai!! un bacio

Ady ha detto...

Se mi sento un pò triste basta che passo da te...mi fai morire dal ridere con i tuoi racconti...
ma lo zenzero candito sai che non l'ho mai fatto...com'è buono?
Un bacio grande

graziella ha detto...

Mi chiedevo in effetti a che tipo di associazione tu facessi parte!!!
Bella questa cosa!
Non smettere di sentirti giovane!

Artemisia Comina ha detto...

certo, se nella tua storia c'è questo tipo di associazioni, allora sì che vale la pena facebook

Daniela ha detto...

Postala al più presto mi interessa questa ricetta...

Anonimo ha detto...

Sei troppo divertente nei Tuoi raconti . Mi ricordo Sobieski fumavo anche io .Ivona

Fra ha detto...

W FACEBOOK e il piacere di ricontattare persone che non si sentivano da anni
Un abbraccio
Fra

Dida70 ha detto...

ciao isabella,
ti avevo scritto un pò di post fa, ancora complimenti per i tuoi racconti, sono fortissimi, ti avevo anche passato un meme ma ... forse si è perso per strada!
baci
dida

a.o. ha detto...

ciao isabella, un saluto candito.

unika ha detto...

Ciao...volevo segnalarti una nuova iniziativa di laura di dolci e salati...un aggregatore di blog di cucina...un blog dove puoi inserire il tuo blog e comunque prendere e dare consigli...ti lascio il link
http://blogdicucina.blogspot.com/
spero che lo vai a visitare e di conseguenza lo troverai tanto interessante da iscriverti:-) un bacio
Annamaria

giucat ha detto...

Ma allora eri già una pazza scatenata ai tempi dell'università ;)) Troppo forte questo club! Ma come sei riuscita a contattare le altre partecipanti? Magari ritrovo anch'io le persone che ho conosciuto in Erasmus (anche se la mia memoria fa acqua da tutte le parti...) Baci, Cat

isabella ha detto...

@giucat
prova a d usare facebook

LinkWithin

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs