27 aprile 2008

Il tonno veloce e le chiavi dell'auto


Finalmente un lungo weekend di sole, a casa dal lavoro io, a casa da scuola i bimbi. Finalmente il tempo per fare la spesa.
Sono sempre di corsa e ho un sacco di promesse da mantenere. Yups! voleva fare la merenda con il suo amico al parco con il cestino da pic-nic e la torta, JackJack che aveva bisogno di qualche maglietta, l'Amato Bene che era comunque travolto dal lavoro, quindi al solito, tempo per rilassarsi poco poco.
Una volta soddisfatte tutte le esigenze e vista la splendida domenica, decidiamo di andare a Forte Marghera per un giretto di Biologica Mestre, tutti pronti, tutti vestiti cominciamo a cercare le chiavi dell'auto. Svuoto la mia borsa, io e l'Amato Bene ci perquisiamo a vicenda, ripercorriamo tutti i movimenti dell'ultimo giorno in cui l'abbiamo usata, roversciamo due cassetti di chiavi, ci assale il dubbio di averle lasciate attaccate sulla portiera o di averle gettate nella spazzatura. "Spazzatura" ecco la chiave di tutto, guardiamo tutti e due JackJack che da quando ha imparato a camminare ci ha fatto sparire mezza casa compreso il rotolo per tagliare la sfoglia per le crostate.
"Jack, dove sono le chiavi della brum?", " "adaiabrumbrum pù chruuu" (unica parola compresa chruu è il nome di suo fratello). "Dove Jack? in camera ?, in armadio?.
Per farla breve abbiamo guardato dappertutto e come unico posto nel portaombrelli. Eccole lì, ecco sfumata l'uscita biologica ... ma quelle manine che applaudivano per dirci che eravamo stati bravi e quelle guanciotte con le fossette ci hanno fatto tanto ridere. Yups! si è impegnato a insegnare a suo fratello a parlare, ha cominciato con "cioccolata".... ma questa è un'altra storia
Passiamo alla ricetta, si tratta di qualcosa di veloce fresco che dovrebbe avermi fatto risparmiare tempo....
Ho preparato questa salsa da accompagnare al tonno ai ferri, diluita con più olio si può usare per condire le verdure ai ferri.

Ingredienti


2 manciate di foglie di prezzemolo

una presa di sale

10 bacche di pepe

2 cucchiaini di semi di senape

2 cucchiaini di origano

3 cucchiai di aceto balsamico

2 cucchiai di mandorle tritate

1/2 bicchiere di olio extra vergine

2 cucchiai di succo di limone

Procedimento

Aggiungere tutti gli ingredienti nel mixer e conservare in frigo in un recipiente chiuso.

20 aprile 2008

Torta con ripieno spumoso di carote e nocciole








Questa è una torta rustica ma solo all'apparenza, infatti il ripieno è particolarmente delicato e spumoso grazie agli ingredienti che lo rendono umido e arioso. La base è una piccola sorpresa, si tratta di una pasta di pane integrale dolce tirata finissima affinchè contenga la farcia. Tafanario usato lo stampo per il flan... non so se ho mai fatto un flan in vita mia





Ingredienti per la base

2 cucchiai di olio di arachide
2 cucchiai di zucchero
un presa di sale
250 gr di farina integrale
15 gr di lievito di birra
150 ml di acqua tiepida

Procedimento

Mettete in un recipiente gli ingredienti secchi mescolandoli accuratamente. Aggiungetevi i cucchiai di olio.

Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida e unirlo formando un impasto morbido che va unto e lasciato lievitare per circa una mezzora.

Ungere con il burro uno stampo da 26cm alto 4 e spolverizzarlo con i biscotti tritati.

Prima di stendere il panetto di pasta lievitata ungerlo e spolverizzarlo con della maizena in maniera da poterlo stendere agevolmente. Stendere la pasta conuno spessore di 3 mm. Una volta stesa la pasta, spolverizzarla con un po' di fecola o maizena e arrotolarla sul mattarello e foderare lo stampo tagliandone i bordi in eccesso. Avanzerà parecchia pasta.



Ingredienti per la farcia



3 uova

la scorza di una arancia grattuggiata o polvere di arancia

90 gr d zucchero

1 cucchiaio raso di maizena

250 gr d i carote grattuggiate

100 gr di nocciole tritate in polvere

2 cucchiai di marmellata di albicocche o fichi



Procedimento per la farcia

Passate le carote al robot per ottenenere una poltiglia. Separate gli albumi sai tuorli. Montate gli albumi a neve fermissima. Sbattere a spuma i tuorli con lo zucchero incorporare le nocciole, la buccia di arancio, la maizena.

Incorporate, le carote e gli albumi e le nocciole,mescolando delicamente, versare il composto nella tortiera foderata, cuocere nel forno preriscaldato ventilato a 175 C° per 35 minuti, coprire dopo venti minuti con un foglio di stagnola.





12 aprile 2008

Rosa fondente ... torta per festeggiarmi






Era un po' di tempo che navigando per i blog vedevo delle torte meravigliose ricoperte di fondente. Sono incappata così in varie ricette di marshmallows fondant. Ho deciso così di provare con un torta americana che mi aveva sempre attratto la "red velvet" ovvero velluto rosso. Stante la ricetta, la torta sarebbe dovuto essere rossa grazie al colorante alimentare aggiunto nell'impasto. Purtoppo dopo aver aggiunto tre cucchiaini di colorante l'impasto è rimasto un bel marrone come i pantaloni dei Visconti di Modrone, quindi la torta potrebbe essere "brown velvet". Onestamente la torta non è oltre modo straordinaria, io rimanderei alla torta al cacao come quella del post http://mangiocongliocchi.blogspot.com/2008/04/torta-del-diavolo-o-i-will-survive-per.html. Poi cercherò di sbizzarirmi un po' con le creme, visto che è necessario ricoprire la torta prima di glassarla affinchè la glassa rimanga idratata.
Yups! mi ha chiesto come mai ho fatto una torta di battesimo.. e pensare che il mio compleanno è tra poco....
Torta velvet



Ingredienti per la torta


2 ¼ tazze di farina da dolci stacciata poi misurata
2 cucchiai da tavola di cacao amaro
1 cucchiaino da te di lievito da dolci
1 cucchiaino da te di bicarbonato di soda
½ cucchiaino da te di sale
250 gr di yougurt intero
4 cucchiaini da te di colorante rosso liquido per alimenti
1 cucchiaino da te di aceto bianco
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 ½ tazze di zucchero
½ tazza di burro a temperature ambiente
2 uova grandi


Procedimento

1. Riscaladare il forno a 180°. Imburrare s spolverare di farina una teglia del diametro di 24 cm

2. Risettacciare la farina con il cacao, il lievito , il bicarbonato di soda e il sale in una terrina.

3. Mescolare lo yougurt con il colorante rosso, l’aceto e la vaniglia.

4. Con lo sbattitore elettrico sbattere li burro con lo zucchero e aggiungere le uova una alla volta mescolando bene prima di aggiungere la successiva. Incorporare gli ingredienti secchi in 4 volte alternando i liquidi in tre volte.

5. Versare l’impasto nella tortiera a e cuocere per circa 35 -40 minuti. Far raffredare per 10 minuti nella tortiera e poi girarlo per raffredarlo su una gratella.
6. taglaire la torta a metà
Ingredienti per la copertura

500 gr di formaggio tipo Philadelphia o metà mascarpone a temperatura ambiente
½ tazza di burro a temperature ambiente
1 cucchiaio di estratto di vaniglia
1 ½ tazze di zucchero zefiro



Procedimento della copertura

1. Mettere la torta raffredata per 10 minuti nel freezer. Nel frattempo, sbattere con lio sbattitore il formaggio con il burro fino a diventare liscio, aggiungere lo zucchero a velo e la vaniglia.
2. Appoggiare il primo strato con la parte liscia verso l’alto su un piatto. Spalmare la parte piatta con una tazza di copertura e ricoprire la torta interamente.




Ingredienti per la copertura fondente di marshmallows
150 gr di marshmallows
330 - 400 gr di zucchero a velo
3 cucchiai d'acqua
coloranti
fecola di patate
olio di arachidi
Procedimento per il fondente
1. In una terrina termo resistente sciogliere le caramelle con l'acqua nel microonde per 25 secondi a 800 watt. Procedere per gradi e far si che sciolagano ma non diventino troppo calde, eventualmente aggiungere piccole dosi di colorante per alimenti e mescolare.
2. Versare metà dello zucchero a velo nelle caramelle sciolte e mescolare bene con una spatola di silicone.
3.Ungersi molto bene le mani con l'olio di arachide perchè totalmente insapore e versare lo zucchero rimanente su un ripiano e poi le caramelle con lo zucchero.
4. Impastare tutto fino a raggiungere la consistenza morbida ma compatta, scaldandosi la pasta tenderà ad attaccarsi al tavolo per chi è opportuno ungersi le mani più volte e tenere dello zucchero a velo a parte per infarnare bene il tavolo.
5. Quando l'impasto si è ben legato ungelo leggermente e avvolgerlo completamente con lapellicola trasparente. Lasciarlo riposare tutta la notte (min 8 ore) in credenza (NON IN FRIGO)
6. Per stenderlo, Infarinare un'ampia superficie di fecola di patate stendere il panetto di fondente dopo averlo scaldato leggermente o con le mani o con qualche secondo di microonde.
Io ho spolverato leggermente tutto il panetto con la fecola per chè non si attaccasse al mattarello. Mi è capitato di dover ristendere l'impasto almeno un paio di volte perchè mi si attaccava al tavolo, devo dire che la fecola, in piccole quantità, ha migliorato l'impasto lasciando inalterato il sapore per niente stucchevole. Lo spessore del fondente deve essere di circa 3 mm
6. Avvolgerlo sul mattarello e appoggiarlo sulla torta ricoperta di crema, operazione più facile a farsi che a dirsi.
7. Lasciare circa un centimetro di fondente per il bordo e ripiegarlo per sotto, lisciare con le mani senza premere ma per fare aderire.
Decorazioni di fondente
Non mi aspetttavo nemmeno di arrivare a questo punto, così ho fatto la decorazione più semplice che mi è venuta in mente: la ciocca con le rose
Le rose sono unnastro di pasta arrotolato su seè stesso e leggermente aperte
La ciocca l'ho fatta così:
fare i due ovali usando il bordo di un bicchiere:
Poi assemblare la ciocca rovescio:

Assemblare il bordo dentellato con spennellando con pocchissima acqua.

La torta può essere conservatain frigo per almeno un giorno

5 aprile 2008

Cheesecake rustico alle mele e albicocche secche



E' un po' un altalena tra le briosche e i cheesecake cotti, ero partita con l'idea di fare una cosa e ho finito per farne un'altra. Tra i reperti archeologici ritrovati nella dispensa ho scovato delle albicocche secche che avevo acquistato verso Natale, avevo del Philadelphia che in capo a qualche tempo si sarebbe trasformato in gorgonzola piccante e delle mele con le quali Jack Jack aveva giocato a palla. Quindi ecco qui, un dolce da pic-nic, senza aver fatto il pic-nic, preparato con l'intento di portarlo a pranzo dai nonni e sfortunatamente dimenticato a casa.
Ingredienti (tortiera apribile da 24)
per la base
3/4 di cup di farina 00
60 gr di burro freddo
2 cucchiaini di acqua fredda
Farcitura
3 cucchiai di marmellata a piacere
2 mele Golden a fettine
100 gr di albicocche secche tagliate a pezzettini
3 uova
250 gr di Philadelphia
1/2 cup di farina
1/2 cup di zucchero semolato
Procedimento
Munirsi di uno stampo antiaderente tondo apribile a tenuta, scaldare il forno a 210° C
Preparare la base per ricoprire il solo fondo della torta mescolando con la punta delle dita la farina il burro e i cucchiaini d'acqua fredda, foderare il fondo dello stampo con la pasta sottile.
A questo scopo ho un tafanario meraviglioso, una specie di rullo da pittore mignon con il quale si può tirare la pasta nei fondi delle tortiere anche quando questa è particolarmaente delicata come in questo caso.
Spalmare la base con i cucchiai di marmellata
Tagliare le mele a fettine e posarle sulla base cospargendo con metà delle albicocche secche
Mescolare gli ingredienti per la farcitura e il resto delle albicocche secche tagliate a pezzetti. Il tutto sarà piuttosto liquido per cui è importante che lo stampo sia a tenuta o abbia il salvagoccia.
Infornare per 25 minuti a 210° C. Lasciare raffreddare completamente

2 aprile 2008

Casa ...ufficio, olivi e navi

Corsa, sono sempre di corsa, ma ho una grande fortuna, quella di lavorare in una città unica al mondo e in un ufficio dove anche i muri ti raccontano qualcosa. Ieri avevo la macchina fotografica e ho fatto qualche fotografia dei luoghi che vedo mattina e sera. Mi sono accorta che probabilmente quello che vedo io ogni giorno forse è effettivamente un po' insolito per chi è abituato a vivere e a lavorare all'asciutto

Non siamo in Asia, ma è la barca della frutta al Ponte dei Pugni. Ogni tanto compero la frutta da portarmi in ufficio o da portare a casa.








Venezia è cosparsa di capitelli, lamaggior parte hanno sempre dei fiori freschi, mi domando spesso chi si prende la briga di cambiarli, evidentemente non si tratta degli stessi che ci disegnano intorno .....











Fazzoletti di cielo, questa foto non è proprio rappresentativa, ma un mio amico americano che visitava per la prima volta Venezia mi ha fatto notare che ogni volta che rivolgi lo sguardo verso l'alto non vedi mai solo in cielo, c'è sempre un balcone, un campanile, una casa o un'altano ache spunta in qualche angolo.












Merletti di marmo: ogni casa ha dei particolari che la rendono unica, qui ci sono questi putti, i numeri civici sono scritti vicino ai portoni tutti allo stesso modo, lo stesso numero si può trovare nei vari sestieri, l'ordine è talmente complesso per cui i punti di riferimento a Venezia sono tuttora dei negozi che magari hanno chiuso venti anni fa, la parte opposta di un campo che uno conosce ( a Venezia c'è solo una piazza: Piazza San Marco, gli altri sono tutti campi)


















L'ufficio dove lavoro, dentro è così
















Se alzo gli occhi vedo delle travi istoriate










Visto che si tratta di un salone passante da un lato si vedono degli alberi:
















E dalla finestra dell'altro lato può capitare di vedere anche questo






















E abbiamo pure la vista su un giardinetto in cui cresce un ulivo che dicono essere stato piantato più di trecento anni fa. Le olive venivano usate per fare gli oli santi della chiesa vicina









1 aprile 2008

Torta del diavolo o "I will survive " per casi disperati





Ci sono mille buoni motivi per disperarsi, e altrettanti buoni motivi per ricominciare. Per mia fortuna sono molto felice. Comunque, per chi fosse vittima di qualche delusione amorosa, in preda ad una sete di vendetta che non si placa, può essere cacao e una consistenza setosa eccezionale possano alleviare la tristezza e aiutare a sfogare la rabbia. In più, aggiungo qualche materiale di supporto per rendere tutto pronto per la "torta therapy", occhio all'uso del tafanario


Colonna sonora


Ingredienti per una tortiera da 24 cm
2 cups di farina 00 setacciata

2 cucchiaini di lievito

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

2/3 dui cup di cacao amaro in polvere

1 e 1/4 cup di zucchero

125 gr di burro ammorbidito

1 tazza di latte

200 gr di panna acida


3 uova sbattute




Procedimento




Scaldare il forno a 180° C (sempre più fresco dell'inferno in cui gli augurate di arrostire!)


In una ciotola molto capiente unire tutti gli ingredienti TRANNE LE UOVA . Con le fruste elettriche, impugnate come la sega elettrica in un film dell'orrore, sbattere a rabbia moderata per un minuto.


Aggiungere, 2 uova ( il riferimento non è casuale) e sbattere rabbiosamente per 2 minuti, aggiungere l'altro uovo, dedicandolo alla prossima che si ritroverà ad avere a che fare con lui.


A questo, punto dopo circa quattro minuti, l'impasto sarà liscio e benm montato, versarlo nella tortiera imburrata.


Cuocere per 1 ora, fino a quando infilando, con sommo piacere, uno stecchino wodoo, il dolce è cott quando questo uscirà pulito.


Lasciare raffreddare la torta... la vendetta è un piatto che va gustato freddo.


Poi, anche se si decide di non farcire la torta con la panna montata e glassarla di cioccolato. Si può sempre procedere al taglio orizzontale della torta con un altro attrezzo da film dell'orrore.

http://www.plurimix-point.it/modules/scheda.cfm?id=991


Ripensare al fatto se è proprio il caso di farcire la torta... Tagliarsi una bella fetta , chiamare un'amica, prenotarsi il parrucchiere, comperarsi un paio di occhiali da sole e una maglia arancio fosforescente. Nel caso la crisi fosse passeggera, si può sempre consolarsi abbracciandosi spargendo lacrime salate al fleur de sel sulla torta che rimane, bella alta, morbida e lussuriosa anche dopo un paio di giorni.

Ringraziare Gloria Gaynor, Bridget Jones, Anne Wilson ( per la ricetta, la torta lei la farcita con panna montata e glassata con la cioccolata), Maria Luisa che ha assistito alla mia parabola matrimoniale e alla rinascita !



LinkWithin

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs